RIMBORSO ADDIZIONALE PROVINCIALE BOLLETTE ELETTRICHE USO NON DOMESTICO PER L’ANNO 2011

Con un  recente pronuncia il  Tribunale di Milano ha statuito che l’addizionale provinciale alle accise sull’energia elettrica di cui al D.L. n. 511 del 1988, art. 6, nella sua versione applicabile ratione temporis, va  disapplicata per contrasto con l’art. 1, par. 2, della direttiva 2008/118/Ce, per come interpretato dalla Corte di Giustizia U.E. e  di conseguenza le imprese  hanno diritto di ottenere dal fornitore di energia elettrica il rimborso  delle addizionali versate. 

La vicenda processuale ha preso le mosse  da un ricorso ex art. 702 bis c.p.c., promosso da un’azienda metalmeccanica nei confronti di un fornitore di energia elettrica, per ottenere per l’appunto  il rimborso delle addizionali provinciali alle accise sull’energia elettrica di cui al D.L. n. 511 del 1988 versate negli anni 2010 e 2011. 

Si osserva che l’ammontare dell’ addebito alle imprese era variabile da provincia a provincia , oscillante tra 9,30 Euro/MWh e 11,40 Euro/MWh sui consumi fino a 200 MWh/mese.  

Per tale motivo, richiamando alcuni recenti arresti della Corte di Cassazione (sent.28047/2019 e 27099/2019)  il Tribunale ha condannato  ex art. 2033 c.c. la società elettrica  a restituire all’impresa 54 mila euro oltre interessi. 

Quella del Tribunale di Milano è sola una delle recenti sentenze di merito che aderendo a un orientamento univoco della Suprema Corte hanno statuito il rimborso di quanto illecitamente pagato a titolo di addizionale provinciale alle accise sull’energia elettrica. 

Considerando che, purtroppo, il termine prescrizionale per ottenere il rimborso  è decennale e che per tale motivo non si può più richiedere la restituzione di  quanto pagato nel 2010 e in parte nel 2011, è consigliabile inviare  immediatamente una missiva  alla società elettrica fornitrice con la quale si interrompa la prescrizione. 

Il nostro Studio Legale Internazionale Monetti &Associati promuove in tutta Italia, in tutela delle imprese,  le azioni legali   tese ad ottenere ex art.2033 c..c. dalle società elettriche, la restituzione di quanto indebitamente pagato a titolo di addizionale provinciale alle accise sulla energia elettrica, previo  invio  della documentazione necessaria  ( bollette pagate, etc. ). Per contattarci entra nel nostro sito www.monettieassociati.it e invia un email all’indirizzo info@monettieassociati.it esponendoci il tuo problema e ti daremo una veloce risposta su fattibilità e costi oppure invia messaggio sulla nostra chat  di Facebook   per avere un contatto immediato.  

avv. Marco Monetti   Founder and managing partner dello Studio Legale Monetti&Associati

Lascia un commento